loghi IRCCS E. Medea , Associazione La Nostra Famiglia


[] Chi Siamo
[] Mission
[] La struttura
[]
[] Le sedi
[] Lombardia
[] Veneto
[] Friuli
[] Puglia
[]
[] Informazioni
[] Codice Etico
[] Organo di Vigilanza
[] CUP Prenotazioni
[] URP Relazioni
con il Pubblico
[]
[] Centro Ausili
[] Ricerca scientifica
[] Corsi e Convegni
[] Scuola e formazione
[] Editoria
[] Biblioteca scientifica
[]
[] Comunicati stampa
[] Ufficio stampa []
[] Contatti[][]

Privacy Policy

[]

sostienici

cerca

 

Centro per lo studio dello sviluppo socio-emozionale del bambino piccolo in condizioni di rischio evolutivo

Strumenti

La pratica clinica e l’attività di ricerca si basano in larga parte sull’applicazione di procedure e strumenti di comprovata validità. Tra i principali strumenti utilizzati si segnalano:

  • la scala di valutazione delle prestazioni neurocomportamentali del neonato NICU Network Neurobehavioral Scale (NNNS). La scala, messa a punto da Barry Lester ed Edward Tronick nel 2004 è un sistema completo di valutazione del neonato che permette al clinico e al ricercatore di tracciare un profilo delle competenze neurocomportamentali di bambini ad alto rischio, fornendo indicazioni anche relativamente alla presenza di segni di stress. Come è stato recentemente documentato, inoltre, la scala è in grado di predire problemi cognitivi e comportamentali rilevabili all’età di quattro anni (Pediatrics, 2009). Presso l’IRCCS è attivo il Centro Medea per lo studio neurocomportamentale del bambino piccolo – Programma italiano NNNS di ricerca e di training, unico centro italiano autorizzato a svolgere il training NNNS e a rilasciare la relativa certificazione. In accordo con le linee guida e sotto la supervisione degli autori, il percorso di formazione viene svolto periodicamente da docenti accreditati all’uso della scala e si basa su lezioni teoriche, proiezione di filmati, dimostrazioni pratiche di somministrazione della scala a neonati a termine e pretermine, esercitazioni. Al termine del training è previsto un esame il cui superamento è necessario per ottenere la certificazione NNNS;

  • il paradigma sperimentale Still-Face, introdotto da Tronick e colleghi alla fine degli anni Settanta. La procedura permette di valutare le capacità sociali, di regolazione emozionale e di coping del bambino piccolo. Inoltre, permette di osservare la qualità dello scambio emozionale tra la madre e il bambino. Il paradigma prevede la temporanea sospensione della comunicazione da parte della madre nel corso di un’interazione faccia-a-faccia con il proprio figlio e consente di osservare le strategie attuate dal bambino per far fronte al disagio che ne consegue. L’applicazione del paradigma presso il Centro si basa su un’esperienza pluriennale con infanti in condizioni di rischio e non e sulla costante supervisione del Prof. Tronick, ideatore della procedura e direttore della Child Development Unit, Harvard Medical School di Boston, di cui il Centro è partner fin dalla sua fondazione;

  • il sistema di codifica dell’interazione madre-bambino Global Rating Scale, messo a punto dalla Prof.ssa Murray e colleghi. Il sistema permette di valutare la qualità della relazione precoce tra madre e bambino, attraverso la codifica dei comportamenti esibiti dalle madri e dagli infanti nel corso di un’interazione faccia-a-faccia effettuata nei primi mesi di vita del bambino. La supervisione della Prof.ssa Murray e la formazione all’uso del sistema di codifica acquisita dagli operatori del Centro sono alla base di un’attività di ricerca avviata in collaborazione con la Winnicott Research Unit dell’Università di Reading.

Sono inoltre utilizzati diversi strumenti di report rivolti ai genitori e agli educatori/insegnanti. Di alcuni questi il Centro ha curato la traduzione e l’adattamento della versione italiana, come nei casi seguenti:

  • il questionario Social Competence and Behavior Evaluation (SCBE) di LaFreniere e Dumas, per la valutazione della competenza sociale, dell’espressione affettiva e delle difficoltà adattive in bambini tra i 30 e i 78 mesi;

  • i questionari TAPQOL e TACQOL, sviluppati dal Leiden Center for Child Health and Pediatrics LUMC-TNO, volti alla valutazione della qualità della vita in relazione allo stato di salute in soggetti in età evolutiva;

  • i questionari Parental Stressor Scale: Neonatal Intensive Care Unit e Nurse Parent Support Tool di Margaret Miles, finalizzati a valutare i livelli di stress genitoriali e la percezione di supporto ricevuto dal personale ospedaliero durante il ricovero nei reparti di Terapia Intensiva Neonatale;

  • l’Infant Behavior Questionnaire-Revised di Mary K. Rothbart & Maria A. Gartstein (2000) messo a punto per l’analisi del temperamento infantile nel primo anno di vita.

20-Feb-2012 - © I.R.C.C.S. Medea