• Home
  • News
  • 15 anni di attività del Medea in Puglia

News

15 anni di attività del Medea in Puglia

E’ l’unico ospedale pediatrico di neuroriabilitazione in tutto il meridione. Anche il presidente della Regione Michele Emiliano alla conferenza stampa il 5 aprile presso il Polo di Brindisi.

Per ricordare i 15 anni di attività dell’IRCCS Eugenio Medea di Brindisi, l’unico ospedale pediatrico di neuroriabilitazione in Puglia e nell’intera area delle regioni meridionali, il 5 aprile alle 9.30 si terrà una conferenza stampa, presso l’ex complesso ospedaliero Di Summa: intervengono l’arcivescovo della diocesi di Brindisi Ostuni Domenico Caliandro, il presidente della regione Michele Emiliano, il presidente della Provincia e sindaco di Brindisi Riccardo Rossi, il presidente della Commissione sanità regione Puglia Pino Romano, il direttore generale della ASL di Brindisi Giuseppe Pasqualone e i dirigenti dell’IRCCS Medea – La Nostra Famiglia.

L'IRCCS Medea è impegnato in Puglia dal 2004 nell’alta specialità riabilitativa nel campo pediatrico, funzione riconosciutagli dalla Regione e portata avanti come un servizio di elevato livello, a valenza regionale e extraregionale.

Qui le attività cliniche procedono in stretta sinergia con le attività di ricerca e sono tese alla costante innovazione dei metodi di cura. Il titolo di IRCCS viene infatti riconosciuto dal Ministero della Salute a strutture altamente specializzate chiamate ad essere punti di riferimento nel Paese per qualità delle cure erogate e per la loro capacità d’innovazione e formazione del personale.

L’IRCCS di Brindisi è oggi un riferimento importante nel campo della neurologia e della psicopatologia dell’età evolutiva e giovane adulta, rispetto al quale il Polo ha ottenuto i riconoscimenti come Centri di Riferimento Regionale. La percentuale di saturazione dei posti letto è stata in questi anni sempre superiore al 90%.

Significativa la valenza sovra-regionale del Polo di Brindisi, con bambini che provengono dalla Sicilia, Calabria, Basilicata, Campania, resa molto evidente dall’indicatore di attrattiva extraregionale con quasi il 10% di pazienti extraregionali.

Il Polo ha registrato nel triennio una degenza media di circa 17 giorni, a dimostrazione della propensione a una neuroriabilitazione non di tipo assistenziale (lungodegenziale) bensì a una riabilitazione caratterizzata da percorsi diagnostico-prognostici riabilitativi altamente specializzati e mirati, che vanno ad integrarsi con la successiva continuità assistenziale riabilitativa con il livello territoriale.

Il lavoro costante di reciproco potenziamento clinica-ricerca-clinica ha creato eccellenze nei suddetti campi d’interesse, che via via sono state riconosciute a livello regionale e nazionale, tanto da rendere il Polo pugliese centro di riferimento per diverse patologie.

In particolare questo si è concretizzato con l’attribuzione da parte della Regione Puglia di Centro di Riferimento per l’ADHD, per i Disturbi dello Spettro Autistico, per le gravi cerebrolesioni in età evolutiva e in ultimo il polo è stato riconosciuto quale Presidio della Rete Nazionale – PNR per il gruppo di malattie “Malformazioni del sistema nervoso” e nodo della Rete Regionale Pugliese (RERP) per numerose malattie rare.

Oggi l’IRCCS di Brindisi in linea con gli altri poli del Medea in Italia (Bosisio Parini ; Conegliano; San Vito al Tagliamento) sviluppa le 4 linee di ricerca strategiche del Medea (Neuroscienze, Psicopatologia, Neurobiologia e Tecnologie Applicate), all’interno delle quali si concentrano programmi di ricerca corrente e finalizzata finanziate dal Ministero della Salute sull’autismo e sui disordini del neurosviluppo, sul maltrattamento infantile, sulle cerebrolesioni congenite e acquisite, sulle malattie rare e sulle malattie neuromuscolari.

Proprio nel campo delle malattie rare neuromuscolari e in particolare dell’atrofia muscolare spinale (SMA), oggi l’IRCCS Medea di Brindisi è uno dei pochi ospedali del territorio nazionale autorizzati per la somministrazione del nusinersen, farmaco innovativo con meccanismo di azione di tipo genico, ad oggi il primo e unico farmaco autorizzato per combattere la SMA, il più comune disordine genetico che causa morte nell’infanzia.

Al termine della conferenza stampa sarà possibile visitare i laboratori e le tecnologie utilizzate in ambito sanitario e di ricerca.

Programma

Stampa

© I.R.C.C.S. Medea - Associazione La Nostra Famiglia C.F.-P.IVA 00307430132

Questo sito si avvale di cookie tecnici, analytics e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.