• Home
  • Ricerca
  • Topics
  • BabyLab - Laboratorio per l’individuazione precoce di bambini ad alto rischio per disturbi del linguaggio, dell’apprendimento e dello spettro autistico

BabyLab - Laboratorio per l’individuazione precoce di bambini ad alto rischio per disturbi del linguaggio, dell’apprendimento e dello spettro autistico

Polo scientifico
Area scientifica

Responsabili

Dott.ssa Chiara Cantiani
PhD - Coordinatore, MEDEA BABYLAB, Area Linguaggio - Responsabile del laboratorio EEG - BabyLab
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dott.ssa Valentina Riva
PhD - Coordinatore, MEDEA BABYLAB, Area Autismo - Collaboratore network NIDA
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Team

Dott.ssa Giulia Mornati
Borsista Psicologa

Dott.ssa Elena Riboldi
Consulente Psicologa

Contatti

+39 031 877924

 

Descrizione

I nostri studi si focalizzano sull’individuazione precoce di marcatori di rischio per disturbi del linguaggio e dell’apprendimento (LLI) fin dal primo anno di vita. Gli obiettivi ultimi del nostro progetto di ricerca riguardano l’identificazione delle traiettorie di sviluppo tipiche ed atipiche e l’implementazione di interventi precoci, innovativi ed ecologici.

Lo studio longitudinale, attualmente in corso, prende in considerazione diverse abilità neuropsicologiche valutate nel primo anno di vita e indaga come queste abilità siano predittive del successivo sviluppo cognitivo e linguistico, sia in bambini a sviluppo tipico che in bambini a rischio familiare per LLI (fratelli di bambini con diagnosi di LLI).

Le tecniche utilizzate all’interno dei nostri studi includono sia l’analisi del segnale elettrofisiologico e dei potenziali evento-correlati (EEG/ERP) che osservazioni comportamentali, prendendo in considerazione anche i fattori di rischio genetico ed ambientale.

Sulla base dei risultati ottenuti nella direzione del ruolo cruciale svolto delle precoci abilità di elaborazione e percezione acustica sullo sviluppo linguistico, recentemente sono state sviluppate delle attività di arricchimento acustico, basate su un training ritmico e musicale, che possono essere effettuate già nel corso del primo anno di vita. E’ attualmente in corso uno studio che valuta l’efficacia di queste attività in termini di alterazione delle risposte EEG/ERP a stimoli acustici e di miglioramento delle abilità ritmiche e linguistiche.

Nel campo dei disturbi dello spettro autistico (ASD), lo studio di quanto avviene nei primi 24 mesi di vita del bambino è di grande interesse scientifico in quanto l’identificazione di bambini a rischio e la tempestiva messa in atto di interventi può ridurre l’impatto di questo disturbo sullo sviluppo globale del bambino.

Le nostre ricerche si basano sull’analisi di indicatori di rischio, o biomarkers di vulnerabilità, nei primi 3 anni di vita del bambino nell’ottica di costruire un modello di predizione del rischio di sviluppare autismo. Siamo interessati alla raccolta di variabili elettrofisiologiche (EEG/ERP), neuropsicologiche, genetiche ed ambientali valutate in un campione di bambini ad alto rischio ASD (fratelli di bambini con diagnosi ASD).

La nostra sfida sarà quella di capire se uno o più fattori di rischio abbiano un ruolo nell’eziologia del disturbo e/o se siano potenziali mediatori/moderatori all’interno della relazione tra la causa e il disturbo.

Nel quadro complessivo della nostra attività di ricerca si colloca anche la prestigiosa collaborazione con il Network Italiano per il riconoscimento precoce dei Disturbi dello Spettro Autistico-NIDA (Istituto Superiore di Sanità; Dott.ssa Maria Luisa Scattoni) con lo scopo di validare e standardizzare un protocollo di sorveglianza e di valutazione del neurosviluppo in un campione di bambini ad alto rischio ASD, confrontati con bambini a sviluppo tipico. I dati di interesse comune verranno condivisi e messi a disposizione con il network NIDA, con l’obiettivo di una sempre maggiore sinergia anche operativa tra Istituti di ricerca a livello nazionale.

Tecniche di indagine sperimentale: registrazione del segnale elettrofisiologico (EEG) e dei potenziali evento-correlati (ERP), tecniche di abituazione visiva ed uditiva, registrazione dei movimenti oculari

Pubblicazioni

  • Riva V, Cantiani C, Mornati G, Gallo M, Villa L, Mani E, Saviozzi I, Marino C, Molteni M. Distinct ERP profiles for auditory processing in infants at-risk for autism and language impairment. Scientific Reports, 2018; 15;8(1):715.
  • Cantiani C, Riva V, Piazza, C, Melesi G, Mornati G, Bettoni R, Marino, C, Molteni, M. ERP signatures of cross-modal semantic priming in the typically and atypically developing brain. Neuropsychologia, 2017; 103:115-130.
  • Riva V, Cantiani C, Dionne G, Marini A, Mascheretti S, Molteni M, Marino C. Verbal working memory mediates the effects of duration of pregnancy on language. Neuropsychology, 2017; 31(5):475-485.
  • Riva V, Cantiani C, Benasich AA, Molteni M, Piazza C, Dionne G, Marino C. From CNTNAP2 to early expressive language in infancy: the mediation role of auditory processing. Cerebral Cortex, 2017; 11:1-9.
  • Piazza C, Cantiani C, Akalin-Acar Z, Miyakoshi M, Benasich AA, Reni G, Bianchi AM, Makeig S. ICA-derived cortical responses indexing rapid multi-feature auditory processing in six-month-old infants. Neuroimage, 2016; 133:75-87.
  • Cantiani C, Riva V, Piazza C, Bettoni R, Molteni M, Choudhury N, Marino C, Benasich AA. Multi-feature auditory discrimination predicts linguistic outcome in Italian infants with and without risk for language-learning impairment. Developmental Cognitive Neuroscience, 2016; 20:23-34.

Collaborazioni

  • NIDA – Network Italiano per l’identificazione precoce dei Disturbi dello spettro Autistico (NIDA) coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità, Dott.ssa Maria Luisa Scattoni
  • Prof. Hermann Bulf, Prof. Viola Macchi Cassia, Dipartimento di Psicologia, Università Milano-Bicocca
  • Prof. April A. Benasich, Infancy Studies Laboratory, Center for Molecular and Behavioral Neuroscience, Rutgers University-Newark, USA
  • Prof. Ginette Dionne, Laval University, School of Psychology, Québec, Canada
  • Prof. Cecilia Marino, Centre for Addiction and Mental Health (CAMH) University of Toronto (Canada)
  • Dott.ssa Gabriella Musacchia, Department of Audiology, University of the Pacific, USA & Department of Otolaryngology Head and Neck Surgery, Stanford University School of Medicine

Stampa

© I.R.C.C.S. Medea - Associazione La Nostra Famiglia C.F.-P.IVA 00307430132

Questo sito si avvale di cookie tecnici, analytics e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.